FAMIGLIE AL CENTRO 
LA RETE INVISIBILE 

Famiglie al Centro “La Rete Invisibile” è un servizio gestito dalla S. Onofrio Cooperativa Sociale Onlus. Basa le sue fondamenta su un concetto semplice ma fondamentale: mettere al centro della propria attività le famiglie dedicando e orientando ogni singolo progetto, servizio, intervento al loro sostegno. Il nostro Centro per le Famiglie persegue finalità di consulenza, promozione, progettazione ed erogazione di servizi psico-educativi e formativi strettamente calibrati sulle necessità delle famiglie, sul loro sostegno per non lasciare indietro nessuno, personalizzando gli interventi ed i bisogni e ritenendo di fondamentale importanza il lavorare insieme.
“La Rete Invisibile” offre consulenza psicologica e psicoterapeutica al singolo,
alla coppia, alla famiglia, organizza incontri formativi per genitori su varie tematiche, persegue il miglioramento della qualità della vita di persone in stato di momentanea difficoltà per aiutarle a costruire un futuro in cui ognuno sia protagonista della propria vita, valorizzando la ricchezza e l’ unicità che ciascuno possiede dentro di sé promuovendone il benessere e la dignità attraverso il contributo di psicologi, psicoterapeuti, educatori, assistenti sociali, mediatori familiari, una valida equipe multidisciplinare dedita ai servizi alla persona in stretta collaborazione con istituzioni e territorio.
Professionalità, competenza, impegno, responsabilità, attaccamento e devozione al proprio lavoro sono i nostri punti di forza. Empatia, capacità di ascolto, sospensione del giudizio, valorizzazione delle diversità, inclusione sociale sono il focus del nostro agire.

Scopri tutti i servizi

Consulenza Psicologica e Psicoterapia

Il vivere quotidiano ci dona momenti di gioia, di amicizia, di piacere, come anche incontri con la sofferenza e il disagio personale: esperienze comuni a ogni essere umano e a cui il più delle volte si è attrezzati per viverle intensamente o affrontarle in modo efficace. Può capitare che aspetti oggettivi di situazioni che si stanno vivendo o una difficoltà a dare senso a ciò che sta capitando intorno e dentro di sé, possano portare a sofferenze che rendono faticoso il percorso della propria esistenza quotidiana.
In questi casi l’incontro di consulenza psicologica o di psicoterapia può facilitare l’uscita dal momento difficile che si sta vivendo e divenire un’opportunità per arricchire la propria cassetta degli attrezzi di strumenti utili per affrontare situazioni simili in autonomia.
Entrambi, sia la consulenza psicologica che la psicoterapia, sono degli interventi interpersonali nei quali due o più persone (Psicologo/Psicoterapeuta e cliente) condividono saperi ed esperienze. La loro finalità è creare le condizioni affinché la persona che chiede aiuto acquisti maggiore consapevolezza di quanto gli sta capitando, ampli lo spettro delle opzioni di scelta a sua disposizione e decida, in modo informato e autonomo, di prendere in mano la sua vita attivandosi in direzione di cambiamenti costruttivi per sé e per gli altri.
Nella consulenza psicologica vengono affrontati disagi che derivano principalmente da aspetti oggettivi delle situazioni (transazioni di vita). Nella Psicoterapia si affrontano difficoltà e sofferenze che tendono ad accompagnare la persona in più situazioni e momenti della propria esistenza.

La consulenza Familiare

Una serie di incontri con la famiglia che attraversa momenti di difficoltà nel corso del proprio ciclo vitale: la nascita dei figli, il confronto con la fase adolescenziale, la fase del nido vuoto, il rapporto con gli anziani possono diventare momenti critici dove le risorse e le capacità di ognuno dei membri familiari di farne fronte, vengono messi a dura prova. La consulenza familiare intende riportare la famiglia, intesa come unità sistemica, al centro della propria vita, facendo riemergere così le risorse di ciascuno dei suoi membri e ridando all’intero sistema familiare, la competenza nella gestione dei suoi problemi relazionali o altro.

Ciclo di incontri con le famiglie migranti

Questo centro intende dare voce e spazio alle famiglie migranti spesso provenienti da altre culture. L’obiettivo è quello di sostenere le famiglie, le quali in determinati momenti del ciclo vitale: nascita dei figli, il ricongiungimento familiare oppure la fase adolescenziale dei figli, rendono fragile e vulnerabile l’intero sistema familiare. Migliorare i processi comunicativi tra le varie generazioni attraverso una prospettiva trigenerazionale e facilitare una comprensione profonda delle scelte genitoriali e quelle dei figli, permetterà a queste famiglie di riappropriarsi della propria funzione in maniera consapevole e matura.

Consulenza di Coppia

Ci troviamo spesso davanti coppie che chiedono aiuto poichè fragili e incapaci di affrontare momenti di passaggio e/o conflitti e crisi coniugali in maniera costruttiva. Il percorso di consulenza alla coppia intende affrontare insieme ai suoi membri il disagio e la paura della disgregazione della famiglia, richiesta spesso implicita di ciascuno di loro. L’obiettivo del lavoro con le coppie è aiutare i suoi membri a ritrovare l’intesa della coppia con la riscoperta del noi riacquistando la capacità di far fronte ai cambiamenti personali e familiari, in maniera consapevole. Il percorso con le coppie serve a ricostruire l’alleanza tra i partner con l’obiettivo di affrontare le sfide che la vita impone, con nuove risorse, riscoprendo la dimensione dell’individualità anche stando in coppia.

Consulenza di coppia…..in conflitto

Litigi, distanza emotiva, continue discussioni con il partner. Cosa fare? Lo scopo principale del percorso rivolto a coppie in situazione di crisi è quello di favorire e liberare l ‘espressione dellacoppia in tutte le sue manifestazioni, sia quelle dolorose che quelle gioiose.
Poter esprimere la sofferenza e il dolore in un ambiente protetto e con l’aiuto di un professionista, aiuta a dare spazio alla vitalità e alle risorse della coppia in difficoltà. In un’ epoca in cui tutto scorre velocemente, quello che Famiglie al Centro “La rete Invisibile” intende offrire alle coppie in difficoltà è innanzitutto uno spazio e un tempo dove potersi fermare a riflettere, dove poter stare in silenzio ad ascoltare desideri, bisogni, emozioni di chi ci sta accanto, in cui poter rintracciare i significati delle azioni che hanno influenzato la storia personale e la trama familiare e ritrovare il senso degli eventi della vita. Aiuta la coppia a rompere le incongruenze, e risanare il dialogo concreto, basato sui fatti della realtà presente. Serve inoltre a ricostruire quel dialogo che la coppia, nel tempo, ha logorato. Stimola i partner al confronto, in modo tale che entrambi possano manifestare all’altro, senza rabbia o paura, i propri bisogni, e cosa ha portato ad allontanarli, causando i problemi di coppia.

La Mediazione Familiare

La Mediazione Familiare è un intervento finalizzato alla riorganizzazione delle relazioni familiari e alla risoluzione o attenuazione dei conflitti in caso di separazione e/o divorzio..
La Mediazione Familiare è un percorso di breve durata ( 10-12 incontri) a cadenza quindicinale rivolto alle coppie separate/divorziate o in via di separazione/divorzio, che manifestano difficoltà a trovare un equilibrio e un accordo rispetto all’esercizio delle funzioni genitoriali.
La Mediazione Familiare offre un sostegno, un accompagnamento psicologico e pratico nelle diverse fasi della separazione a salvaguardia del benessere psicofisico dei figli coinvolti.
A chi si rivolge la Mediazione Familiare?
• ai coniugi che hanno deciso di porre fine al loro matrimonio
• a quelli che stanno pensando di farlo • alle coppie in crisi indecise sul da farsi
• alle coppie già divorziate che intendono rivedere i loro accordi
• ai genitori che ritengono utile comunicare costruttivamente per trovare accordi sull’educazione dei figli, nel momento della separazione

Incontri formativi per genitori

Le sfide associate alla crescita di qualsiasi bambino, sono numerose e a volte lasciano nei genitori vissuti di impotenza e scoraggiamento. I percorsi di formazione per genitori , li aiutano a regolare i loro livelli di stress e far fronte a quanto emerge nella vita quotidiana mentre si prendono cura dei propri figli, con un maggior senso di padronanza delle situazioni. Possono essere informativi o mirati a facilitare azioni educative del genitore sui propri figli.
Negli incontri formativi informativi vi è un passaggio di informazioni da un professionista, quali un Educatore o un Pedagogo o uno Psicologo, al genitore in un contesto gruppale. In questo modo i genitori, anche grazie al confronto nel gruppo con altri genitori come loro, ricevono delle conoscenze nuove, che prima non avevano, che potranno aiutarli a comprendere meglio il proprio figlio.
Negli incontri formativi dove si mira a facilitare azioni educative del genitore sui propri figli (detti anche Parent Training), al passaggio di informazioni si aggiungono momenti che favoriscono nel genitore l’acquisizione di competenze. Sempre in modalità di gruppo e con l’aiuto di uno Psicologo, partendo dall’idea che il genitore è il vero esperto del proprio figlio e la persona più vicina a lui che può aiutarlo, nel percorso formativo si mira a rafforzare le sue capacità e competenze genitoriali e a favorirne l’acquisizione di nuove. In questo modo il genitore arricchisce le proprie opzioni di scelta da utilizzare nella vita di tutti i giorni, adottando così dei modelli educativi flessibili e aderenti ai bisogni del proprio figlio. Il genitore apprenderà a vivere la vita quotidiana con un’attenzione in più a quelli che sono gli obiettivi evolutivi del proprio figlio e a quali sono le strategie educative maggiormente efficaci e avvalorate dalla ricerca scientifica.

Itinerari di crescita pre e post parto:

Il Centro intende intraprendere dei percorsi di Pre Parto, in collaborazione con colleghi ginecologi, pediatri e ostetriche, per affrontare insieme ai futuri genitori aspettative, dubbi, paure, ansie e fantasie della gravidanza,e nel contempo, avere informazioni per scegliere in modo consapevole. Verranno affrontati vari argomenti in relazione all’evento nascita quali: come partorire, scegliere ed essere protagoniste della propria gravidanza e parto, le paure, il dolore, l’analgesia, la respirazione, il corpo che si trasforma ed il bambino che cresce, i disturbi legati alle modificazioni del corpo. Un’attenzione particolare sarà data anche a tutti i cambiamenti che la gravidanza impone in riferimento al: rapporto di coppia, la sessualità in gravidanza, la diade che diventa una triade. Nei gruppi post parto sarà creato uno spazio di confronto e di sostegno nella crescita dei propri bambini….
In collaborazione con le colleghe educatrici, il Centro intende realizzare anche incontri di home visiting per offrire un sostegno emotivo e pratico a coppie alle prese con la genitorialità.

Lasciami la mano

Certamente “genitori non si nasce, si diventa ed i bambini non nascono con un manuale di istruzioni”. Il genitore quindi trova nutrimento
per il suo ruolo nella propria storia personale e nelle esperienze vissute innanzitutto come figlio.
“Lasciami la mano”, pertanto, vuole rappresentare un percorso formativo di empowerment di tipo autobiografico capace di sostenere il genitore nel recupero di esperienze e di vissuti del proprio percorso di crescita, degli stili educativi dei propri genitori, al fine di poter costruire saperi e capacità di azione propri e coerenti con i bisogni del proprio figlio. Per il raggiungimento di tale finalità si è deciso di avvalersi dei contributi del Circolo della Sicurezza (CoS-P), un programma di intervento per genitori basato sulla relazione genitore-bambino sviluppato da Kent Hoffman, Glen Cooper e Bert Powell e fondato su 50 anni di ricerca, per aiutare ogni genitore a scoprire come garantire sicurezza al proprio bambino.
Il CoS-P è concepito per indicare ai genitori cosa osservare, in modo da comprendere e soddisfare i bisogni dei propri figli che, altrimenti, verrebbero trascurati; per individuare e comprendere i comportamenti che i genitori mettono in atto automaticamente e che non consentono di essere empatici con i propri figli e per sostenere l’adozione di comportamenti più efficaci.

Gruppi di Parola per figli di genitori separati

Il Gruppo di Parola è un’esperienza di gruppo per bambini e ragazzi figli di genitori separati.
Nel gruppo i bambini possono parlare, condividere, esprimere pensieri ed emozioni, attraverso l’utilizzo del gioco, del disegno e di altre attività.
Il gruppo di parola aiuta i figli a vivere più serenamente e con maggiore consapevolezza la riorganizzazione familiare ed i cambiamenti di questa fase critica.

Come si struttura?

Il Gruppo è formato da 6/8 bambini o ragazzi in base all’età: 6-12 anni oppure 12-16 anni.
1 incontro informativo e di presentazione per i genitori.
4 incontri di 2 ore (uno a settimana) per i bambini o ragazzi.
Nella seconda ora dell’ultimo incontro i genitori partecipano al gruppo dei figli.
Dopo la conclusione, a distanza di un mese circa, è previsto un incontro per ogni nucleo familiare.
Il gruppo è condotto da 2 operatori qualificati, uno psicologo ed un assistente sociale.

Gruppo di Parola per figli con fratelli disabili

Il Gruppo di Parola è un’esperienza di gruppo per bambini e ragazzi fratelli di persone disabili.
Nel gruppo i bambini possono parlare, condividere, esprimere pensieri ed emozioni, attraverso l’utilizzo del gioco, del disegno e di altre attività.
Il gruppo di parola li aiuta ad acquisire informazioni ed avere maggiore consapevolezza rispetto alla condizione di disabilità dei fratelli, ed a ricavarsi un proprio spazio di riflessione e condivisione di gruppo sui propri vissuti emotivi in relazione alla salute dei fratelli.

Come si struttura?

La struttura è la stessa dei GDP per figli di separati.
Qui in più è prevista l’attivazione, in parallelo, di un gruppo di sostegno alla genitorialità per le mamme ed i papà che lo riterranno utile.
La conduzione è sempre affidata a 2 operatori qualificati, psicologi ed assistenti sociali.

Valutazione e Trattamento DSA

Famiglie al centro offre alla propria utenza il servizio di Valutazione e Trattamento dei  disturbi Specifici dell’Apprendimento: Dislessia, Disgrafia, Disortografia e Discalculia per bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria. Offre, inoltre, consulenza per ragazzi con difficoltà non specifiche dell’apprendimento o con Bisogni Educativi Speciali.
Intervenendo sia sulla diagnosi precoce che sulla promozione di piccoli gruppi di apprendimento alla presenza di Tutor specializzati, l’equipe garantisce la presa in carico globale della famiglia e del bambino, accompagnandolo verso l’autonomia nello studio attraverso una personalizzazione degli interventi.
L’equipe è composta da una Psicologa esperta in DSA ed Educatrici e Tutor degli Apprendimenti.

Il legame che continua

Perdere una persona cara è un’esperienza che può scompaginare la nostra vita quotidiana, mettendo in discussione i nostri punti di riferimento e le certezze costruite nell’arco di una vita. Purtroppo, la nostra società, che fatica a nominare la parola morte, non sempre ci aiuta ad attrezzarci in modo da far fronte alla perdita di una persona cara. Il gruppo per il lutto “Il legame che continua”, rappresenta un’efficace risorsa per chi ha vissuto una perdita. In un contesto gruppale connotato da rispetto, solidarietà e valorizzazione della relazione, principi che ricordano molto i valori costitutivi delle comunità tradizionali, oggi frammentate e scomparse, la persona può riscoprire la sua capacità di auto-narrarsi e dare senso alla perdita e ai cambiamenti che questa ha portato nella sua vita.